Blog


Francesco Clemente ad Alba
Art&Design

di Roberta Ceretto

18 Ottobre 2016

Segnate in agenda: 21 ottobre e 4 novembre 2016, due appuntamenti speciali ad Alba

Negli ultimi giorni - tra il rivoluzionario annuncio del Premio Nobel per la letteratura assegnato a Bob Dylan e il commosso addio a Dario Fo – non si parla d’altro che di questo prestigioso riconoscimento.

Forse non tutti sanno che nel 1992 è stato l’americano Derek Walcott a ricevere un Nobel per la sua produzione letteraria: il poeta e scrittore santaluciano è stato insignito del Premio grazie al suo Omeros, un poema epico in terzine che trascrive la storia di Odisseo ambientandola ai giorni nostri, tra i mari dell’Oceano Atlantico.

Un’opera meravigliosa e decisamente complessa, questo è facile immaginarlo. La difficoltà dello scritto non solo non è stata un ostacolo per Francesco Clemente, ma è diventata, come lui stesso dichiara, “un’ossessione”. Un pensiero costante quanto positivo, creativo, stimolante, se si pensa che i 41 acquerelli e le 2 sculture ora in mostra nel Coro della Maddalena di Alba esistono soltanto grazie a quella avvincente lettura. Così è nata “After Omeros”, e mai titolo poteva essere più chiarificatore.

 

Per approfondire il legame tra l’arte di Clemente e il pensiero di Walcott abbiamo pensato di coinvolgere Roberta Castoldi e Alessandra Morra, ideatrici di POETICA, il festival culturale inserito nel programma della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba. Per due serate, venerdì 21 ottobre alle ore 18,30 e Venerdì 4 novembre, sempre alle 18,30, sarà possibile visitare la mostra guidati dalle letture scelte e tradotte da Roberta e Alessandra e accompagnate dalla musica del violoncello di Manuel Zigante e il violino di Giacomo Agazzini nel primo appuntamento e poi con Manuel Zigante assieme a Massimo Pitzianti, uno dei maestri assoluti della fisarmonica.

 

Il nostro desiderio è cercare di entrare all’interno dell’opera, comprenderne meglio il significato e sentirsi coinvolti. Non è necessario essere esperti d’arte, di letteratura o di musica, basta munirsi di una buona dose di curiosità. Curiosi noi per primi, vi aspettiamo! (Ingresso gratuito)

 

[Foto: Facebook Poetica]